Acido citrico: principali usi
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Acido citrico: principali usi
Lunedì 04 Maggio 2015
Stefania D'Elia

Chi conosce l’acido citrico? Semisconosciuto fino a qualche tempo fa, oggi viene sempre più utilizzato per le pulizie domestiche, è una polvere ottenuta dalla lavorazione dei limoni (e in minima parte anche di altri agrumi) ed è un acido debole. I suoi usi in casa sono molteplici, eccone alcuni.

Ammorbidente: Lavora in modo differente da un classico ammorbidente (che entrando nelle trame dei tessuti, le gonfia donando loro una sensazione di morbidezza) l’acido citrico scioglie il calcare rimasto sui tessuti e lo spazza via con il risciacquo. Per un corretto utilizzo deve essere “pescato” nel momento giusto, quindi va messo nell’apposito cestello per l’ammorbidente.

Capita di sbagliare lavaggio e trovarvi con il vostro maglione preferito completamente infeltrito. Lasciatelo in ammollo per qualche ora in acqua con acido citrico. Ritroverà la sua morbidezza.

Brillantante per lavastoviglie: Mi sono sempre rifiutata di usare il brillantante per la lavastoviglie a causa delle sostanze dannose di cui è composto. Le stoviglie, però, soprattutto i bicchieri, escono dal lavaggio decisamente opache, cosa fastidiosa soprattutto se si hanno ospiti in casa. L’acido citrico è un prodotto innocuo per la salute, e grazie al suo potere anticalcare è un perfetto sostituto del brillantante nella vostra lavastoviglie.

Mantiene sane lavastoviglie e lavatrice: si potrebbe dire che è un vero e proprio trattamento di bellezza. L’acqua calcarea tende con il tempo a rovinare gli ingranaggi dei nostri elettrodomestici, quindi è una buona abitudine fare periodicamente un lavaggio a vuoto, inserendo nel cestello un bicchiere di acido citrico.

Decalcificante per macchine del caffè: avevo comprato tempo fa una busta (tra l’altro costosissima) di decalcificante, per poi decidere di non utilizzarla perché troppo chimica. Non mi piaceva l’idea di inserire quella mistura nella vaschetta da cui poi viene pescata l’acqua del nostro caffè. L’acido citrico si è rivelato un sostituto ecologico ed economico. Il ne ho inseriti un paio di cucchiaini nella vasca piena di acqua e l’ho fatta andare finché non abbiamo esaurito tutta l’acqua. Il risultato è stato perfetto, alla fine la nostra macchina del caffè funzionava come il primo giorno.

Anticalcare: L’acido citrico è soprattutto un anticalcare, è quindi perfetto su tutte le superfici, lasciatelo agire per qualche minuto e poi risciacquatelo via, i vostri sanitari e rubinetti brilleranno in modo sano ed economico.
Per togliere il calcare da rubinetti e doccia, prendete un sacchetto del congelatore riempitelo con acqua e acido citrico e legatelo al rubinetto in modo che ne sia immerso, lasciate agire anche per tutta la notte se ne avete la possibilità.

Detergente universale: diluito con l’aceto diventa il detergente ideale per tutte le superfici della vostra casa. Tenetene uno spruzzino sempre a portata di mano.





I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Pulizie eco: le superfici di casa
Mercoledì 11 Febbraio 2015
Cucina: metodi semplici di pulizia (terza parte)
Martedì 09 Settembre 2014
Glossario degli ingredienti cosmetici (prima parte)
Giovedì 21 Agosto 2014