Cimeli di guerra: la nostra storia negli oggetti del passato - Mercatopoli
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Cimeli di guerra: la nostra storia negli oggetti del passato
Giovedì 25 Aprile 2019

Come Olanda, Danimarca e Romania, anche l’Italia festeggia ogni anno la liberazione dal nazifascismo, avvenuta nel 1945. La data scelta per ricordare l’evento è proprio quella di oggi, il 25 aprile, che rappresenta simbolicamente il culmine della fase militare della Resistenza. Quale miglior occasione per riscoprire il fascino degli articoli militari da collezione? Medaglie, cartoline, fotografie, diari, divise. Perfino i racconti dei nonni sopravvissuti alla guerra – ormai sempre più rari – possiamo considerarli come qualcosa dal valore inestimabile. Non solo oggetti da collezione, quindi, ma soprattutto cimeli antichi per non dimenticare mai la nostra storia.

festa-della-liberazione

“Ricordare il 25 aprile 1945 vuol dire anzitutto dare la possibilità a chi non c’era di conoscere la Resistenza nella nuda e scarna verità in essa racchiusa: quel giorno l’Italia ha riconquistato la libertà; lo ha fatto grazie all’impegno attivo di una esigua minoranza.” Giovanni de Luna, storico

Perché ricordiamo la Liberazione d’Italia

L'anniversario della liberazione d'Italia (anche chiamato festa della Liberazione, anniversario della Resistenza o semplicemente 25 aprile) è una festa nazionale della Repubblica Italiana che ricorre il 25 aprile di ogni anno. È un giorno fondamentale per la storia d'Italia e assume un particolare significato politico e militare, perché simbolo della vittoriosa lotta di resistenza militare e politica attuata dalle forze partigiane durante la Seconda guerra mondiale a partire dall'8 settembre 1943 contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e l'occupazione nazista.

«Arrendersi o perire!» fu la parola d'ordine intimata dai partigiani quel giorno e in quelli immediatamente successivi. Entro il 1º maggio tutta l'Italia settentrionale fu liberata: Bologna (il 21 aprile), Genova (il 23 aprile) e Venezia (il 28 aprile).

La Liberazione mise così fine a vent'anni di dittatura fascista e a cinque anni di guerra. La data del 25 aprile non coincide con la sconfitta delle truppe mussoliniane e hitleriane (formalizzata solo il 29 aprile con la resa di Caserta), ma diede vita a una transizione decisiva che portò alla liberazione di Milano, alla ripresa del Nord del Paese e alla nascita della Repubblica Italiana, fino alla stesura definitiva della Costituzione.

Vorresti leggere altri articoli di questo tipo? Scopri la nostra rubrica Il Raccontastorie.



Oggetti da collezione per non dimenticare

cimeli-seconda-guerra-mondiale-25-aprileLa storia appassiona molti. La storia del secolo scorso, che molti hanno vissuto in parte o sentito raccontare da padri e nonni, esercita un fascino irresistibile. Esistono collezioni private molto interessanti di articoli militari che nulla hanno da invidiare ai musei di storia contemporanea, anzi, molto spesso ne sono pure fornitori di pezzi importanti. Medaglie, fotografie, elmetti, divise, diari e libri dal Risorgimento fino alla Seconda guerra mondiale. In queste collezioni ci sono le persone, i soldati che hanno posseduto questi oggetti, la loro storia.

“Ricordo che in una delle mie spedizioni in soffitta, poco dopo la morte di mia nonna, spulciando vecchie foto, mi è capitata in mano una cartolina scritta dal fronte orientale da uno dei suoi fratelli, il quale poi fu catturato e passò diversi anni in una prigione russa. – racconta Annalisa – Ricordo la scrittura inclinata e regolare, l’italiano stentato, gli errori di ortografia. Ma soprattutto in quelle poche righe aveva condensato un finto ottimismo, che intendeva rassicurare genitori e sorelle, ”Io sto bene, come spero di voi,…”, e chiedeva notizie del suo nipotino, figlio della sorella minore, nato da poco. Lo avrebbe conosciuto solo dopo diversi anni.”

I collezionisti cercano proprio questo. Le storie personali, le vite dei soldati, medaglie ricevute da chissà chi in chissà quali occasioni, per chissà quali meriti. A volte lo scopriamo, il che dà un valore aggiunto all’oggetto, a volte resta il mistero. A volte è sufficiente che sia un pezzo di storia.

Sei alla ricerca di articoli militari del passato? Cerca il negozio dell’usato più vicino a te, dove potrai trovare cimeli antichi di grande valore e ampliare la tua collezione.


I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Festa della mamma: i regali più belli arrivano dal passato
Giovedì 09 Maggio 2019
Buon compleanno Walkman, 40 anni di storia e di musica!
Giovedì 11 Luglio 2019
Collezionismo: cerca in casa la tua piccola fortuna
Giovedì 22 Febbraio 2018