Mobile vecchio e rovinato? Restauralo così - Mercatopoli
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Mobile vecchio e rovinato? Restauralo così
Giovedì 28 Dicembre 2017

restauro mobiliNella casa di campagna di mia nonna, in soffitta, c'è un mobile che ho sempre adorato. Una scrivania antica in legno massiccio, con dei cassettoni grandi e profondi ai lati. Quando ero bambina quel mobile si trovava nello studio del nonno e sopra c'era una meravigliosa macchina da scrivere.

Ora quella scrivania è in disuso da parecchi anni, ma per fortuna non è stata buttata. È vecchia e rovinata, ma sono convinta possa avere una nuova vita. È un pezzo vintage che mi piacerebbe rimettere in sesto con una bella mano di vernice.

I mobili, soprattutto quelli di una volta, sono fatti per durare, per resistere a lungo e magari passare di famiglia in famiglia. Quelli vecchi e rovinati, con un po' di gentilezza e manualità, possono avere una seconda occasione ed evitare che finiscano in discarica o che diventino un altro inutile spreco.

Anche tu hai un mobile vintage che vorresti riciclare con le tue mani? Ecco alcuni consigli pratici per farlo diventare un arredo di design e farlo splendere di nuovo.

Cosa serve per rimettere in sesto un mobile vecchio

Come dare nuova vita ad un mobile rovinato 

Può sembrare un'operazione ardua, ma se ti piace il lavoro manuale, prenderti cura di un mobile vecchio e vederlo rinascere sotto i tuoi occhi ti darà grande soddisfazione. Consideralo come un hobby, qualcosa da fare nel tempo libero, con la giusta calma e pazienza, magari ascoltando un po' di musica. Non avere fretta e goditi ogni passaggio.

restauro mobili antichi

1. Sistema i buchi e le crepe: prendi lo stucco per il legno, stendilo e fallo entrare nelle aperture con un'apposita spatolina. Ora lascialo asciugare per bene.

2. Leva i residui di carta: di solito i vecchi mobili hanno ripiani o cassetti foderati di carta. Per toglierla, dato che sicuramente sarà un po' rovinata, inumidiscila con acqua tiepida e con un prodotto emolliente.

3. Togli la vernice vecchia: prendi il foglio di carta vetrata a grana media (o una levigatrice per fare più velocemente) e cerca di levigare tutto il mobile. Il lavoro sarà ben fatto se alla fine la superficie risulterà ruvida al tatto.

4. Stendi il primer: con un panno elimina la polvere creata dalla levigatura e prepara la superficie stendendo una mano di primer o aggrappante per far sì che il nuovo colore attecchisca. Lascia asciugare per qualche ora.

5. Dipingi il mobile con la vernice nuova: prendi il pennello a setole morbide e dipingi il mobile con una vernice ad acqua, che non ha odore e asciuga più velocemente.

6. Proteggi il tuo lavoro: una volta che il colore si è asciugato fissalo passando su tutta la superficie una cera per il legno o una vernice trasparente. In questo modo la tinta sarà anche più resistente e lavabile.

7. Fodera eventuali cassetti: ti ricordi i cassetti e i ripiani ai quali hai tolto la carta di rivestimento vecchia? Bene, come ultimo passaggio ora puoi metterne una nuova attaccandola con della colla da tappezziere, oppure puoi optare per un comodissimo rotolo di carta autoadesiva.




I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Trumeau veneziano: storia di un mobile d'arte
Vivere smart
Giovedì 24 Dicembre 2015
Mobili usati: cosa vuol dire dargli nuova vita
Vivere smart
Lunedì 14 Novembre 2016
Mobili usati: una scelta green
Vivere smart
Lunedì 16 Gennaio 2012