#gentedimercatopoli, la strappona di Natale
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
#gentedimercatopoli, la strappona di Natale
Mercoledì 24 Dicembre 2014
Polly Merc

Natale è alle porte e il nuovo video di #gentedimercatopoli è on line. Un appuntamento fisso ormai, che io e il fidanzato, condividiamo seduti sul divano davanti al nostro pc portatile. Luci soffuse, l’albero di Natale nell’angolo che manda bagliori intermittenti. Io?

Calzettoni di lana, pigiama di flanella e coperta che mi avvolge come un sudario. Insomma: è pur sempre inverno.

Poi appare lei, la strappona di Natale. “mica sei come lei” mi dice l’ex fidanzato.

Ci penso un secondo, forse ha ragione, provo a tirare fuori un piede dalla coperta e decido che non importa. Mi trascino nel lett

o saltellando. Mi sento un po’ un brucaliffo e un po’ uno zampone pronto per essere bollito in pentola.

 

Mi alzo la mattina che ho l’aspetto sexy di una cernia nel congelatore. E anche i miei piedi, sotto le coperte sono a quella temperatura (o forse di qualche grado superiore, non abbiamo mai approfondito). Mi stropiccio gli occhi, allungo la mano e lo trovo li, il mio ragazzo. Sono quasi tentata di fargli una coccola. Poi ricordo.

Allora gli pianto i miei piedi sotto zero nella schiena e mi alzo e vado in bagno.

L’immagine che mi restituisce lo specchio è impietosa: occhi gonfi, guance rigate e i capelli che sembrano appena usciti da un quadro futurista... ma come diavolo fanno a stare piantati così in alto? Ho bisogno di un caffè solo per ricominciare a connettere o anche solo per reprimere l’istinto di fuga: come è possibile che non capisca?

Noi siamo donne vere, mica andiamo in giro in minigonna e tacchi tutti i giorni, tutto il giorno. Mica abbiamo il trucco tatuato. Che se poi passi troppo tempo in bagno, sei lenta. Se esci di casa dandoti una sistemata veloce, sei trasandata. Se tagli i capelli come il personaggio di quella sit, non sei originale. Se hai un taglio che piace solo a te, ma che ci sarà un motivo che così non si pettina nessuno.

Vado in cucina, per preparare un caffè. Sul tavolo un biglietto

Amo i tuoi occhi grandi che mi guardano la mattina. Amo i tuoi capelli spettinati che sfidano sfrontati la gravità, amo il tuo sguardo arrabbiato quando non ti accorgi che ti sto prendendo in giro. Sei sempre stata solo tu”.

Per fortuna è quasi Natale e come ci insegna la sit di #gentedimercatopoli, non importa qanto ci prova la #strapponadinatale. Poi a casa, a infilate piedi gelati nella schiena del fidanzato, ci siamo noi...

Forse forse una coccola gliela posso anche fare, magari gli preparo anche un caffè e poi potremmo uscire a pranzo. Ma non prima di essere stata in bagno per qualche ora, così impara.




I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Gente di Mercatopoli... lo sono anche io?
Giovedì 10 Luglio 2014
Ti vendo? Perché senza fiducia non c'è storia
Lunedì 27 Ottobre 2014
Dopo le feste rientra nei costi extra così
Giovedì 21 Dicembre 2017