Erbe aromatiche: proprietà e usi (parte 4)
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Erbe aromatiche: proprietà e usi (parte 4)
Giovedì 11 Settembre 2014
Stefania D'Elia

Aglio, issopo, Melissa, iperico... continua il nostro viaggio alla scoperta delle piante aromatiche e del loro utilizzo in cucina e come piante officinali.

Aglio

L'aglio appartiene alla famiglia delle Liliacee come la cipolla ed è originario dell'India e dell'Asia Centrale. Ricco di virtù medicinali: è un antisettico naturale, riduce la pressione arteriosa, combatte le infiammazioni e aiuta la digestione.

In cucina: in primavera si possono raccogliere le sue foglie più tenere che, tagliuzzate e unite ai vostri piatti regaleranno un leggero aroma. Il bulbo viene utilizzato per soffritti, aromatizzare salse, sughi, bruschette e per insaporire carne e pesce.

Issopo

E' un piccolo arbusto coltivato fin dal Medioevo, ha piccoli fiorellini azzurri, rosa e bianchi. Le sue foglie hanno un aroma simile alla menta.

In cucina: si usa in piccole quantità per aromatizzare salse, stufati, zuppe. Si utilizza anche per fare dei liquori. I suoi fiori vengono utilizzati per aromatizzare insalate.

L'issopo inoltre stimola la digestione e aiuta ad alleviare i sintomi di raffreddamento delle altre vie respiratorie.

Melissa

La melissa pare che sia in grado di allungare la vita: leggenda vuole che nel XIII secolo, un uomo che ne bevesse l'infuso ogni mattina per 50, pare sia vissuto fino a 116 anni.

In cucina si usa per dare un aroma di limone a salse, bevande e dolci.

In caso di bronchiti l'infuso ricavato dalle sue foglie porta sollievo immediato.

Iperico

Pianta utilizzata esclusivamente a scopo medicinale. I fiori e le foglie di fanno macerare nell'olio oppure, essiccati, si utilizzano per infusi e tisane. L'olio contenuto nei fiori ha un effetto calmante sul sistema nervoso. E' una pianta perenne che cresce in un terreno asciutto e soleggiato.

Pimpinella

Le sue foglie hanno un sapore simile al cetriolo, in cucina si aggiungono tritate ad insalate, formaggi cremosi, burro, uova o salse. E' un blando diuretico e tonico.

Santoreggia selvatica

E' una pianta perenne le cui foglie si raccolgono tutto l'anno. Si presenta come un basso cespuglio con rami legnosi difficili da estirpare.

Ha un sapore pungente e deciso, più intenso nella tua varietà perenne che in quella annuale.

In cucina si usa per aromatizzare la carne di maiale e i brasati, ma è ottima anche con le patate. Aiuta la digestione quindi si abbina spesso a cibi di difficile digestione come i fagioli.




I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Erbe aromatiche - Proprietà e usi (parte 2)
Giovedì 07 Agosto 2014
Erbe in fiore - per riscoprire le proprietà delle erbe
Giovedì 05 Giugno 2014
Non solo erbe 2015
Mercoledì 24 Giugno 2015