Ridurre gli sprechi: economia domestica!
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Ridurre gli sprechi: economia domestica!
Lunedì 12 Novembre 2012
Elisa Artuso

economia domesticaUno dei modi più efficaci e immediati per risparmiare è quello di ridurre sensibilmente gli sprechi in casa. La crisi si fa sentire e tutti cercano strategie per diminuire le spese, cosa che, oltre ad avere un riscontro concreto sul nostro conto corrente è una scelta di buon senso, che ha risvolti educativi e diminuisce la nostra impronta sul pianeta.

Da dove partire?

Iniziamo dal carrello della spesa: non è necessario mangiare male o cercare cibo a basso costo per spendere meno. La cosa migliore è piuttosto acquistare prodotti sfusi, di stagione, ancora meglio se direttamente dai produttori, facendo bene attenzione alla quantità e alla lista della spesa che avremo preparato preventivamente.

In questo i gruppi d’acquisto solidale stanno facendo scuola, ma se anche non abbiamo la possibilità di entrare in un g.a.s., possiamo rivolgerci direttamente ai produttori, frequentare i Farmers Market, e in generale scendere di gamma. I prodotti freschi o in scatola sono infatti molto più economici di quelli precotti o surgelati.

La variabile tempo è la più difficile da gestire perché si deve trovare qualche momento durante la giornata per cucinare il cibo in casa, sicuramente più sano ed economico, ma più laborioso da preparare. Il trucco è cucinare mentre si è a cena, per avere qualcosa di pronto a pranzo del giorno dopo; e poi tanta autoproduzione di conserve, marmellate, composte, sughi che ci tengono impegnati parecchio durante la preparazione ma poi ci danno una grande soddisfazione e ci permettono di trovare pronto. L’importante è andare a fare la spesa quando realmente in casa non c’è più nulla che potremmo mangiare.

economia domestica

Per quanto riguarda la pulizia e la cura della persona si possono utilizzare prodotti durevoli: manopoline al posto delle spugne per la doccia, saponette (che durano moltissimo) al posto dei flaconi di bagno schiuma, e poi nel ripiano dei detersivi pochi prodotti economici che sono anche molto economici come bicarbonato e aceto. Inoltre, le donne possono usare la coppetta mestruale o assorbenti lavabili e con i bambini si possono provare i pannolini lavabili che comportano un’unica spesa iniziale.

Inoltre possiamo impegnarci per ridurre gli sprechi nelle utenze di casa, anche modificando qualche abitudine: spegnere le luci, consumare poca acqua (anche quando facciamo la doccia), sostituire le lampadine con quelle a led e fluorescenti fa risparmiare molto, così come spegnere tutti i dispositivi che teniamo in stand-by (televisione, stereo, lavatrice e lavastoviglie). Acquistare una buona stufa a legna: se abbiamo la possibilità di installarla, ci fa risparmiare notevolmente sulla bolletta del gas. Le famiglie che sono passate al mercato libero pagano l’elettricità a seconda di varie fasce di consumo e quindi vanno controllati con le fasce e i costi relativi.

Inoltre, possiamo organizzarci per acquistare o vendere ciò che non ci serve più presso a Mercatopoli, dove si trovano vere occasioni a prezzi stracciati e si possono fare veri e propri affari senza alleggerire troppo il portafoglio.