Risparmiare con l’economia circolare
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Risparmiare con l’economia circolare
Giovedì 24 Maggio 2012
Elisa Artuso

economia circolareIn un mondo in cui il conto ambientale è in rosso, è rincuorante sapere di essere sulla buona strada nel proporre un tipo di economia basata sul riuso e sul riciclo. A darci delle conferme sul cammino intrapreso con i negozi Mercatopoli è uno studio commissionato dalla Elle Mac Arthur Foundation e realizzato da McKinsey.

Il nostro lavoro ci piace e ci entusiasma, il settore dell’usato sta crescendo, ma la cultura del riuso ha bisogno di essere sostenuta e consolidata, perché non è ancora entrata pienamente nella mentalità delle persone. Sentire che gli economisti e gli studiosi ne plaudono il valore è davvero una soddisfazione.

Lo studio, commissionato dalla famosa fondazione e sostenuta anche da grandi aziende come Cisco e National Grid (gestore di rete britannico) critica il sistema attuale, troppo basato su un’economia lineare, sull’iperconsumo e sulla cultura dell’estrai-produci-consuma-smaltisci: questo sistema è unidirezionale e il problema dei rifiuti, le difficoltà nella gestione delle risorse, prima di tutto le materie prime, devono portarci a cambiare approccio.

A dare una svolta può essere l’economia circolare, quella in cui sono pienamente iscritti anche i negozi del recommerce assieme a tutte le soluzioni di consumo collaborativo.

Cosa significa economia circolare? Alla sua base c’è l’eliminazione del concetto di rifiuto: i prodotti vengono concepiti fin dalla fase di progettazione secondo il concetto di riuso o riciclo. I prodotti di bassa qualità, e quindi non durevoli, devono essere esclusi o realizzati in materiali facilmente smaltibili o riciclabili. Inoltre, l’energia utilizzata per l’economia circolare deve provenire da fonti rinnovabili.

economia circolare

L’economia circolare come si realizza in concreto?

Le aziende dovrebbero smettere di produrre oggetti a scadenza, soggetti a una obsolescenza programmata: lavatrici, telefoni cellulari e tutti i prodotti di elettronica, mobili, complementi d'arredo e persino articoli di abbigliamento. La durevolezza deve diventare un valore per tutti e persino la moda dovrà essere più durevole per limitare il consumo di acqua, di energia, di materie prime, di distribuzione.

I negozi del recommerce contribuiscono a far circolare la merce e quindi l’economia, offrono un’opportunità a tutti coloro che desiderano vendere oggetti in buono stato e di buona qualità o comprare a prezzi accessibili.

Diffondere la cultura del riuso è un’ottima soluzione ecocompatibile che fa risparmiare risorse e denaro e quindi è ecologica. Ci sono altre buone pratiche che si possono adottare: utilizzare la forma del leasing per alcuni prodotti anziché la vendita, limitare il consumo di carburante attraverso l’utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale, valorizzando quindi le biciclette, i mezzi pubblici, le auto elettriche o ibride o ancora ragionando sul consumo di cibo e di acqua.

Lo studio sull’economia circolare è scaricabile gratuitamente cliccando QUI.