Quaderno d’esercizi per liberarsi delle cose inutili
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Quaderno d’esercizi per liberarsi delle cose inutili
Lunedì 16 Gennaio 2012
Elisa Artuso

quaderni di esercizi per liberarsi delle cose inutiliÈ uscita da qualche mese in Italia la collanaQuaderni di Esercizidall’editore Vallardi. La collana originale è francese (Editions Jouvence), come anche tutti gli autori. Si tratta di una serie di veri e propri quadernetti, stampati in carta riciclata, ricchi di illustrazioni e di pratici consigli sui temi del benessere quotidiano e dell’allenamento alla felicità.

Alcuni hanno nomi molto simpatici: c’è il quaderno “per rimanere zen in un mondo agitato”, quello “per scoprire i propri talenti nascosti”, “per mollare la presa” e anche il quaderno “anti-crisi”.

Uno di questi, in un certo senso, ha molto a che fare con noi e con le scelte e le proposte che Mercatopoli fa ogni giorno.

È il "Quaderno d’esercizi per liberarsi delle cose inutili", scritto da Alice Le Giuffant e Laurence Paré. La prima, insegnante e madre di due figli, è impegnata nell’ecologia ambientale, sociale, famigliare e relazionale, la seconda dopo anni di lavoro nel marketing, ha ripreso gli studi per poi dedicarsi all’educazione alternativa.

Con questa premessa è chiaro il legame che abbiamo con questo piccolo e utile quadernetto che attraverso semplici consigli e veri e propri esercizi da vivere in modo assolutamente personale, aiuta il lettore a comprendere come gli oggetti a volte hanno il potere di sopraffarci. Con poche mosse mirate possiamo imparare a liberarci non solo delle cose che non utilizziamo, ma anche del tempo, dello spazio e dell’energia che comporta averle in casa.

Insomma, un percorso per sentirsi più leggeri, per svincolarsi da qualcosa che a volte può diventare opprimente.

Sbarazzarsi delle cose inutili è un passo volontario e meditato che porta a mollare la presa sulle vostre convinzioni, le vostre paure e a rinunciare al superfluo per privilegiare ciò che per voi è essenziale. È un processo di crescita personale, che vi aiuterà a semplificare la vostra vita e, soprattutto, a valutare i vostri veri bisogni per potervi realizzare pienamente”.

decluttering

Le modalità con cui arrivare a scegliere le cose di cui liberarsi sono molteplici. Ad esempio iniziando da liste in cui mettiamo tutte le cose che nella nostra vita ci sembrano “intasate”: l’impiego del tempo, gli armadi, il garage, la posta elettronica, i cassetti della scrivania, i ricordi, le relazioni familiari e anche il frigo, lo stomaco o il bidone delle immondizie.

Una volta identificati gli ambiti della nostra vita troppo ingombranti, in modo coscienzioso e responsabile, il quaderno ci invita fare luce sul risultato: solo comprendendo come si sta bene senza quelle cose, quanto tempo e quanta energia si guadagnano, si potrà dare un senso a questa operazione di total decluttering personale e fisico (quindi anche interiore), legato concretamente alla nostra casa e agli spazi in cui abitiamo e al nostro benessere.

Il quaderno è molto simpatico ed è pieno di chicche: ci fa notare come potremmo traslocare in una casa più piccola una volta che avremo liberato la nostra di tutte le inutilità che ci circondano, oltre a sottolineare quanto potremmo risparmiare con i soldi ricavati da un minore affitto o dalla vendita di oggetti (per noi) inutili. E il guadagno è anche in salute e benessere del pianeta, saturo a causa di un’incessante produzione di cose materiali.

Liberarsi delle cose inutili (magari vendendole in un mercatino dell’usato) ci permetterà di modificare i nostri comportamenti d’acquisto e di ridurre in modo considerevole il nostro impatto sull’ambiente.