Rassegna Alig’Art 2011
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Rassegna Alig’Art 2011
Venerdì 14 Ottobre 2011
Camilla Biagini

C'è tempo fino al prossimo 15 ottobre 2011 per partecipare alla rassegna Alig’Art 2011 - Arte, riciclo e felicità per l’abitare sostenibile organizzata nel quartiere Castello di Cagliari, una rassegna incentrata sull'ambiente, la sostenibilità e il riciclo dei materiali di cui siamo in possesso ma anche un momento di incontro e di socializzazione.

La speranza è che con momenti divertenti, culturalmente elevati e di grande intrattenimento sia possibile arrivare al cuore dei partecipanti e comunicare con loro in modo aperto, chiaro e trasparente e i messaggi di salvaguardia ambientale che è necessario iniziare a diffondere se si vuole che questo mondo possa trasformarsi in un mondo migliore.

La manifestazione vedrà l'esposizione di molte opere d'arte nate direttamente dai resti e dai rifiuti domestici, nessun materiale ricercato quindi ma solo ed esclusivamente materiali che ognuno di noi produce come spazzatura ogni giorno della sua vita.

Le opere sono state realizzate da artisti contemporanei e da artigiani e persone semplicemente appassionate di riciclo e ci dimostrano come sia possibile creare qualcosa di meraviglioso anche con i rifiuti e i materiali di scarto.

Oltre alle mostre la manifestazione sarà animata anche da tanti laboratori in modo da rendere tutti i presenti alla manifestazione partecipi di questo riciclo creativo e di portarli alla scoperta delle loro doti e del loro talento e non mancheranno ovviamente anche cicli di incontri e di conferenze per approfondire tutti i tempi legati al mondo dell'ambiente, del riciclo e della sostenibilità.

La speranza è che sempre più persone arrivino a comprendere quanto sia importante non sprecare le materie prime di cui siamo in possesso e quanto sia invece importante imparare a sfruttarle e farne una nostra risorsa. Basta un pizzico di passione e di fantasia per trasformare anche il rifiuto più brutto in una vera e propria opera d'arte di eccezionale bellezza.