Mix&Match: l'usato per arredi originali e unici - Mercatopoli
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Mix&Match: l'usato per arredi originali e unici
Giovedì 03 Agosto 2017

mix and matchUna forte personalità, un gusto eclettico, quel po' di sfacciataggine e di anticonformismo che mescolati insieme rendono unico e irripetibile un individuo e le sue creazioni: tutto questo è Mix&Match.

La capacità e l'arte di combinare tra loro cose che non sono correlate, una miscela di stili diversi accostati sia per assonanza che per dissonanza, senza mai cadere nella banalità o nel cattivo gusto.

 Viene da lontano, dalla fine del '600, quando grazie all'importazione in Europa di sete cinesi stampate con uccelli, foglie e fiori, si impose l'Esotismo e la contaminazione tra stili, tessuti, materiali e colori diversi.

Esempi famosi dalla Francia di Mix&Match

Con la poltroncina Louis Ghost, il designer parigino Philippe Starck ha saputo coniugare il gusto aristocratico della poltrona francese in stile Luigi XVI con un nuovo materiale come il policarbonato, creando un oggetto ormai riconoscibile in qualsiasi parte del mondo.

mix and match

È Mix&Match il ristorante "Ma Cocotte" a Parigi, sempre ad opera di Starck, nel quartiere famoso per il mercatino delle pulci, in cui l'architetto ha saputo fondere il classico, l'antico e l'usato con il contemporaneo. La pavimentazione del locale è un insieme originale di piastrelle in ceramica di colori e disegni diversi mescolati sapientemente e posati in contrapposizione al parquet a doghe anticato. Infatti si possono mixare anche gli elementi fissi della decorazione come le mattonelle in ceramica, i marmi, le carte da parati, unendo al piacere di creare qualcosa di unico e irripetibile il risparmio, recuperando partite di fine serie e fondi di magazzino.

Il bello di abbinare stili e colori diversi

Nel salotto Mix&Match le pareti sono arricchite da foto di viaggio, stampe, scritte con cornici diverse, avendo l'accortezza di lasciare sempre il passepartout tra cornice e stampa per dare importanza all'insieme. I divani classici, di gusto barocco, con il fusto in legno intagliato, riciclati da vecchi arredi o acquistati nei mercatini dell'usato, possono essere recuperati con nuove laccature e rivestiti con tessuti trendy.

Adottato un colore base si possono abbinare altri colori o tonalità per cuscini, tende e tappeti. Le sedie meritano un'attenzione particolare perché danno veramente la possibilità di spaziare in tutti gli stili, colori e rivestimenti: possono essere tutte classiche ma verniciate con colori diversi, tutte uguali e una diversa per creare contrasto, simili nello stile ma tappezzate con i tessuti più disparati, oppure moderne e ognuna in una forma diversa dall'altra.

L'importante è avere un buon punto di partenza, che può essere semplicemente un colore o un oggetto di design, un ricordo di viaggio, un pavimento o un parquet da valorizzare, le idee chiare, saper osare quando è possibile e tanto buon gusto e personalità.




I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Arredo green style: un esempio da Bangkok
Vivere smart
Giovedì 22 Dicembre 2016
Casa Boho-chic: riuso, tradizione e modernità
Vivere smart
Giovedì 20 Aprile 2017
Un tavolino fashion da una bobina per i cavi
Vivere smart
Venerdì 31 Gennaio 2014