Car Sharing: AutoaSpillo ci parla di Share’ngo
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Car Sharing: AutoaSpillo ci parla di Share’ngo
Stefania D'Elia

Oggi mi si è aperto un mondo: ho conosciuto "AutoaSpillo"! Per me che la macchina è un semplice mezzo di locomozione che si differenzia per grandezza (macchina grande/macchina piccola) e colore (macchina chiara/macchina scura) il fatto che ci siano delle ragazze ferrate in questo campo è una vera rivelazione.

E ancora più sconvolgente è stato, ammettere che hanno ragione: il parere di una moglie (e di una ragazza) è davvero importante nella scelta dell'auto di famiglia.

Oggi Lisa di AutoaSpillo ci parla di Share'ngo il nuovo e innovatovo servizio di car sharing attivo dal prossimo 15 giugno a Milano.

Parlaci di Autoaspillo, di cosa si tratta? Come è nato?

Autoaspillo è un magazine fatto da donne (con un paio di quote rosa di rappresentanza ;)) che parla di auto alle donne. E' nato perché ci siamo accorte che non c'era niente di simile in giro: le donne guidano le auto, le comprano e “pesano” sulla scelta dell'auto di famiglia o del partner, eppure nessuno aveva pensato di rivolgersi a loro...

Nell’immaginario collettivo donne e motori sono cose che non legano, come è stata accolta l’idea di un sito che parla di auto al femminile?

Nell'immaginario collettivo le donne non sanno guidare eppure nelle statistiche siamo quelle che facciamo meno incidenti ;).

Nella realtà, che a volte si distacca notevolmente dall'immaginario collettivo, “donne e motori” legano eccome. Esistono donne pilota e donne appassionate di auto, ma esistono semplicemente donne che guidano e comprano auto. E, a differenza di quel che si possa pensare, sono molto accorte nella scelta dell'auto da comprare. Quindi l'accoglienza è stata ottima, perché Autoaspillo è andata a colmare un vuoto, parlando di auto con un linguaggio più affine al variegato mondo femminile. Poi ci amano anche i maschietti... ;)

Cosa ne pensi del servizio di car sharing? E’ utile in tutta Italia o ci sono regioni più o meno portate per questa realtà?

Trovo che i servizi di car sharing siano una soluzione a molti problemi di mobilità: risolvono i problemi di parcheggio (problemi infernali per chi vive in grandi città), permettono di aggirare le limitazioni dovute a ZTL o area c, sono la soluzione ideale per chi non ha la necessità (o la possibilità) di possedere un'auto perché non la utilizza sempre (ad esempio in famiglia si può scegliere di avere solo un'auto, e il car sharing ti “salva” quando ne servirebbero 2).

Penso a quando ero una studentessa squattrinata: non potevo permettermi un'auto e il car sharing mi avrebbe permesso di muovermi senza dipendere dagli altri.

Sarebbe un servizio utile in tutta Italia, ma è ovvio che si parte dalle grandi città dove l'esigenza di spostarsi agilmente è più pressante.

Parlaci di Share’ngo. Cosa lo contraddistingue dagli altri servizi già presenti sul nostro territorio?

Share'ngo ha 3 caratteristiche in particolare che lo rendono diverso dagli atri servizi di car sharing: in primo luogo utilizza auto elettriche, salvaguardando così i nostri polmoni già messi a dura prova ;).

In secondo luogo ha una tariffazione “democratica”: infatti varia a seconda della profilazione dell'utente, in modo che, ad esempio, un lavoratore precario paghi il servizio meno di un top manager.

Infine ha un occhio di riguardo nei confronti delle donne e della loro sicurezza: nella fascia notturna per loro l'utilizzo è gratuito.

Poi ha, ovviamente, gli altri vantaggi di un servizio di car sharing: possibilità di parcheggiare su strisce gialle, bianche, blu e perfino quelle dei motorini, si può entrare in zona c e ZTL, paghi solo quello che usi.
Parlaci del 9 giugno e della presentazione del servizio.

Il servizio di Share'ngo partirà il 15 giugno, ma il 9 Giugno dalle 15.00 alle 20.00 in via Pantano 26 a Milano, ci sarà la possibilità di fare un test drive riservato a chi ama Autoaspillo :).

Chi verrà potrà provare queste piccole auto ecologiche e potrà così decidere se iscriversi al servizio. L'iscrizione ha un costo di 10 euro ma, fino al 15 Giugno, gli iscritti avranno 500 minuti di utilizzo gratuito dell'auto. Il che, tradotto in euro, significa dai 70 ai 140 euro in omaggio, a seconda della profilazione.

Io sarò lì ad aspettare chi deciderà di testare l'auto.
Grazie e a presto!







I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Roma: Car-a-van Market
Lunedì 24 Febbraio 2014
Food Sharing: condividere il cibo è green
Giovedì 23 Marzo 2017
Alberi di Natale eco-friendly: come sceglierli e decorarli
Giovedì 06 Dicembre 2018