Parte dal Veneto un progetto un modello d’impresa a km 0 sul riuso e riciclo dei materiali
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Parte dal Veneto un progetto un modello d’impresa a km 0
Martedì 10 Febbraio 2015
Debora Basei

Mi chiamo Debora Basei e dopo aver dato vita ad una cooperativa costituita da persone senza occupazione nel territorio Veneto, io e i miei colleghi abbiamo pensato ad un modello d’impresa a km0 www.ricrearti.it.

La nostra missione è quella di dare formazione a 360° per creare un nuovo modello di impresa eco-sostenibile di impronta artistica.

In questo modo si rivaluta il territorio, si promuove l’occupazione e si abbattono i costi, perché in ogni regione saranno presenti aziende ed imprenditori artigiani pronti a soddisfare esigenze legate alla produzione di accessori, gadgets e oggettistica personalizzata.

La locuzione a chilometro zero identifica una politica economica che predilige il prodotto locale garantito nella sua integrità (in contrapposizione al prodotto globale, spesso di origine non certificata) e che permette di risparmiare sul processo di trasporto rispettando l’ambiente.



Considerato che in ogni territorio sono presenti aziende che si occupano di raccolta differenziata, eco-centri e negozi dedicati alla vendita di materiali inutilizzati, allora perchè non formare persone capaci di trasformare il materiale destinato allo smaltimento in un accessorio o di un complemento d’arredo?

Nei prossimi articoli parleremo delle varie attività che nascono nell’ambito del nostro progetto:

Abbiamo l’ambizione di condividere queste nostre idee, il nostro modello di formazione e di impresa in tutte le regioni d’Italia.

La nostra missione è quella di dare formazione a 360° per creare un nuovo modello di impresa eco-sostenibile di impronta artistica.

In questo modo si rivaluta il territorio, si promuove l’occupazione e si abbattono i costi, perché in ogni regione saranno presenti aziende ed imprenditori artigiani pronti a soddisfare esigenze legate alla produzione di accessori, gadgets ed oggettistica personalizzata.



La locuzione a chilometro zero identifica una politica economica che predilige il prodotto locale garantito nella sua integrità (in contrapposizione al prodotto globale, spesso di origine non certificata) e che permette di risparmiare sul processo di trasporto rispettando l’ambiente.

Considerato che in ogni territorio sono presenti aziende che si occupano di raccolta differenziata, eco-centri e negozi dedicati alla vendita di materiali inutilizzati, allora perchè non formare persone capaci di trasformare il materiale destinato allo smaltimento in un accessorio o di un complemento d’arredo?

Mi chiamo Debora Basei e sono l’ideatrice di un progetto che ha l’ambizione di creare realtà imprenditoriali prendendo ispirazione dall’arte Dadaista e Surrealista.

Nasce in Veneto e attraverso il riuso creativo di materiali inutilizzati e scarti di lavorazione industriale diamo vita ad accessori e complementi d’arredo del tutto originali. Non temiamo la crisi ma la affrontiamo con le nostra creatività e le nostre potenzialità innate.

Il progetto ricrearti ricrearti.it  è in collaborazione con la Fondazione Peggy Guggenheim di Venezia.