Subbuteo e collezionismo: un binomio di sicuro interesse
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Subbuteo e collezionismo: un binomio di sicuro interesse
Lunedì 19 Gennaio 2015
Luca Genzano

Il Subbuteo, il gioco del calcio da tavolo in Inghilterra sul finire degli anni 40 ha conosciuto anche in Italia intorno agli anni 70 il suo boom di consensi. Commercializzato nel nostro paese dai fratelli Parodi divenne ben presto l’oggetto del desiderio di una intera generazione. A distanza di molti anni dalla sua commercializzazione ancora oggi il Subbuteo è un fenomeno in grado di accogliere molti consensi. La produzione subbuteo è davvero vasta basti pensare che il gioco venne ufficialmente lanciato sul finire degli anni 40 per poi venire importato in Italia nei primi anni 70.

In questo buco quasi trentennale molte produzioni subbuteo non vennero mai importate nel nostro paese e paradossalmente parliamo di una serie di oggetti divenuti di grande interesse collezionistico dagli appassionati del settore. Sapevate ad esempio dell’esistenza di un gioco di pesca targato Subbuteo ? Sapevate di una riproduzione su scala dei Beatles?

Si potrebbe continuare ancora per molto in quanto molti di questi oggetti non sono mai giunti in italia e ad oggi rientrano di diritto nella sfera del collezionismo con quotazioni non propriamente basse. Ma parlando di subbuteo quali sono gli oggetti maggiormente collezionati dagli appassionati? Sicuramente le squadre occupano un posto di rilievo. Alcune squadre raggiungono quotazioni da capogiro, quotazioni che variano in base alla tipologia di squadra (L, HW) ed in base alla ref ossia al numero di referenza di quella squadra.

Per i nostalgici delle prime produzioni potrebbe essere una buona idea (intrigante ma di difficile attuazione) collezionare squadre flat ossia le prime squadre prodotte a partire dagli anni 40 denominate flat (piatte) dapprima realizzate in cartoncino e successivamente in celluloide che venivano utilizzate utilizzando delle basi vendute separatamente. Parliamo di squadre degli anni 50 e di conseguenza assai rare. Sul sito collecting subbuteo è presente una sezione interamente dedicata al periodo delle prime produzioni flat, con immagini dei primi set e delle squadre suddivise per categorie.

Effettuare una valutazione economica delle squadre flat risulta piuttosto complesso: pur se la maggior parte di esse risultano essere abbastanza comuni poche altre, invece, sono davvero rarissime e soggette pertanto ad una difficile stima di valore. Ebay potrebbe darci un orientamento in tal senso; tuttavia, diversi fattori possono influenzare il prezzo di vendita finale di questi oggetti da collezione.

Una serie di bustine sigillate contenenti squadre e basi ancora sigillate. Un cimelio per i collezionisti

Manco a dirlo le squadre rappresentano un piccolo settore del collezionismo subbuteo. Cataloghi, set e accessori prodotti nel tempo hanno catturato l’attenzione dei collezionisti. Ci sono inoltre alcuni oggetti che non rientrano specificatamente in una di queste categorie ma probabilmente ne formano una a parte che potremmo definire “le rarità assolute”. Il set dei Beatles è senza ombra di dubbio il primo a rientrare di diritto in questa categoria. Un piccolo set dal grande valore collezionistico.

Il set subbuteo Beatles in tutto il suo splendore

La famosa band britannica in formato Subbuteo con tanto di batteria (di cartocino) e chitarre. Difficile da stimare il suo valore economico ma un set completo di batteria ed in buone condizioni generali è davvero raro da trovare. Inoltre un set del genere è in grado di stuzzicare il desiderio di molti collezionisti non necessariamente appassionati di Subbuteo.

La nostra esplorazione all’interno del mondo del collezionismo subbuteo non finisce qui . Nella seconda parte di questo speciale parleremo di altre chicche per i collezionisti di questo fantastico: il Subbuteo world of sport compendium, le carte da gioco targate Subbuteo ed altro ancora. Stay tuned…

Sono Luca Genzano, mi occupo principalmente della realizzazione di siti web, strategie di web marketing e SEO (posizionamento sui motori di ricerca) e nel tempo libero mi dedico alla mia grande passione: collezionare Subbuteo.
Mi affascina il Subbuteo da un punto di vista storico e collezionistico e per questo sono sempre alla ricerca di informazioni in grado di riuscire a ricostruire quel grande puzzle chiamato Subbuteo.