Mondiali 2014... quando non tutto è come sembra
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Mondiali 2014... quando non tutto è come sembra
Giovedì 19 Giugno 2014
Francesca Gottardo

Ho riflettuto molto sullo scrivere o no questo articolo e ho deciso di affrontare questo argomento perché credo nell'importanza di dar voce ai propri pensieri. Il Tema è: i Mondiali di Calcio, siamo sicuri che dobbiamo esultare di gioia?

In questi giorni ho letto molto sull’argomento, non amo il calcio in quanto è diventato solo uno strumento per far soldi e ormai si fa fatica a ritrovare lo spirito agonistico che ha sempre caratterizzato questo sport. Ma quello che è successo e sta succedendo in Brasile trovo che sia vergognoso.

A noi hanno fatto vedere questo:

Una grande festa di apertura dei Mondiali con Jennifer Lopez, Pitbull con la brasiliana Claudia Leitte, 660 figuranti e luci a led capaci di realizzare il tradizionale pallone da calcio brasiliano, lo jabulani, che si è aperto come un guscio per ospitare il palco in cui si sono esibite le tre Star della spettacolo.

Tutto bellissimo, ci mancherebbe, però…

Quello che non ci hanno fatto vedere:

Manifestazioni, proteste in varie città Sudamericane per le spese che sono state affrontate per la realizzazione dei Mondiali. Si parla di Faraoniche Spese per la costruzione di nuovi stadi. Dalle foto che ho avuto modo di vedere, all’esterno dello Stadio si stavano consumando vere e proprie guerriglie tra civili e militari.

Allora mi sorgono spontanee queste domande:

Ogni evento ludico deve per forza portare dietro di sé sangue, povertà e disperazione?

Ogni evento ludico richiede per forza la spesa di tutti questi soldi?

Ogni evento ludico richiede per forza lo schiacciamento della dignità di altre persone?

E se si ritornasse a pensare al vero significato di GIOCO?

Sono andata a vedere sul Vocabolario il termine Gioco, visto che si fa tanto riferimento al Gioco del Calcio: “Qualsiasi attività liberamente scelta a cui si dedichino, singolarmente o in gruppo, bambini o adulti senza altri fini immediati che la ricreazione e lo svago, sviluppando ed esercitando nello stesso tempo capacità fisiche, manuali e intellettive”.

A voi lettori lascio ogni altra valutazione.