Questo oggetto cambierà il mondo
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Questo oggetto cambierà il mondo
Lunedì 27 Dicembre 2010
Silvia Dal Corso

oggetti sostenibiliUn oggetto è sostenibile finché non si decide di buttarlo via”. Questo è il principio base di uno stile di vita green e rispettoso dell’ambiente.

Basandosi su questa affermazione si può stabilire un’idea di sostenibilità fondata sulle emozioni e sull’affetto che proviamo nei confronti di un oggetto. È nata così un’iniziativa interessante: Questo oggetto cambierà il mondo.

Si tratta di un progetto di ricerca mirato alla futura creazione di oggetti di design secondo una chiave più emotiva, in modo che le persone trovino nel prodotto qualcosa a cui affezionarsi e da cui sia difficile separarsi. In questo modo si eviterà un discorso tipico degli ultimi anni: «Non mi piace più. So che è ancora perfetto, ma mi ha stufato e ne voglio uno nuovo.».

Se ci pensate, il motivo per cui conserviamo un oggetto per anni e anni è molto spesso legato alle emozioni che ci trasmette e ai ricordi ad esso legati. Quindi, i regali di una persona cara, i prodotti acquistati durante un viaggio, gli articoli comprati in momenti felici della nostra vita o utilizzati con persone a cui vogliamo bene sono quegli oggetti che amiamo di più e continuiamo ad utilizzare anche quando sono vecchi e a volte rovinati.

Gli oggetti invece dissociati da qualsiasi ricordo, quelli che non ci trasmettono alcuna emozione o che, addirittura, ci ricordano una persona sgradita vengono accantonati, nascosti, trascurati e spesso buttati via, anche se magari ci servono ancora e sono in ottimo stato.

I motivi per cui conserviamo gli oggetti sono stati analizzati dall’iniziativa Questo oggetto cambierà il mondo ed è stata stilata una classifica: al primo posto ci sono gli accessori di famiglia, oggetti un tempo dei nonni o di qualche parente caro; al secondo ci sono i nostri prodotti, quelli correlati ad un avvenimento positivo o ad una relazione trascorsa.

Il progetto analizza il rapporto delle persone con i loro oggetti e intende creare una banca dati virtuale, ricca di racconti e storie. È stato messo on-line un sito attraverso il quale le persone possono raccontare quali sono gli oggetti a cui sono più legate e le storie di questi articoli.

oggetti sostenibili

Su questo principio ci si è poi basati per diffondere l’idea che affezionarsi ad un oggetto è il sistema per adottare uno stile di vita più sostenibile, con minori sprechi e un maggior risparmio.

Il progetto è stato anche fonte d’ispirazione per una mostra, nella quale 11 designer spiegano le loro relazioni con 11 oggetti.

Quest’idea è un primo passo verso la stesura di un manifesto pensato per aiutare le persone a costruire una società più sostenibile e in cui si interagisca in modo ecologico e rispettando al massimo l’ambiente.

Così nasce il concetto della sostenibilità affettiva: un oggetto diventa sostenibile nel momento in cui ci si lega ad esso e non lo si butta via perché rievoca un sentimento, delle sensazioni positive, o altri scenari felici.

Questo è il legame tra design affettivo e sostenibilità, un sistema per cambiare il mondo.